"…è un modo di vivere." HCB

I’ve been survived

Sopravvissuto al weekend di lavoro 🙂
Ieri sera ho fatto un salto alla festa di Cà Bella alla presentazione di Formizine all’alta società formiginese. Sono contento di esserci andato, si incontra un sacco di belle persone tra cui Gafo che girava con un’istantanea Fuji simil-Polaroid e faceva un’istantanea a tutti (la mia l’ho dimenticata là), Ricky che in questo periodo mi sta piacevolmente tartassando sugli obbiettivi da video, la Lau in livrea tiratissima e sempre coinvolgente, la Linda che si è preoccupata della mia salute precaria, Giulio e le sue interessanti teorie sulla saga di Star Wars e le Fantozziadi, l’Ale ubriachissima che non perdeva occasione di cantare “Jingle bell rock” assieme agli intervistati (a breve il video), Emi ubriaco che ricatteremo a vita grazie ad un video che probabilmente non si ricorda di aver rilasciato, la Giulia dell’Appunto (Giulia e Francesco sono i nomi del 2010, se conosco una persona nuova al 70% si chiamerà Giulia/o o Francesco/a), i due de Il Rasoio e Beppe che ho sempre sbirciato da lontano per via delle sue foto…
Direi di aver nominato tutti… bene, siete stati nominati: ora potete uscire tutti insieme perchè oggi è domenica e si lavora!

Sia ieri che oggi mi è toccato dire di sì alle richieste dei miei capi per poi scoprire che potevo tranquillamente dire di no.
Ma è meglio così: io sono come la mafia, preferisco essere in credito di un favore che in debito 🙂
E inzomma. Ho interrotto a metà il mio pranzo domenicale per andare a Milano a prendere due malesi, ero un po’ in tensione perchè il mio inglese è rimasto a quello dell’Istituto Tecnico Industriale “Fermo Corni” ed era da un po’ che non lo rinfrescavo. Invece è andato tutto bene, i due signori erano molto alla mano e mi permetto di inserire alcune frasi salienti dei nostri dialoghi perchè mi hanno fatto sorridere.
E perchè non sono così vecchio e arrugginito come qualcuno mi vuole far credere. Anche se non posso fare la Carta Giovani… :p

“In Italy the weather is always so cold?”
“No, in winter there is cold but in summer we have 35-40 degrees”
“40 degrees? You are fool!”
“But in Malaysia don’t you have so warm weather?”
“Oh, no. We haven’t four season, we have only one with 32-35 degrees.”
“Oh! So I will go to live there!”
“Uahuahuahuah! Would you excange with me?!”
“Yes! Yes!! Let’s talk!”

“How old are you?”
“I’m 30. But tomorrow is my birthday, I will be 31”
“Really?! You are so young!!!”
Gran pacche sulle spalle

“Your english is very well! Many italian don’t talk english so well”

Detto ciò vi saluto che ho una fonduta di carne che mi aspetta 🙂
PS domani è davvero il mio compleanno.
31
Eh già…
Qualcuno mi dovrebbe spiegare la tecnica per non compiere gli anni…


PS la canzone è solo perchè ce l’ho in testa da stamattina e fa parte della giornata.

Annunci

6 Risposte

  1. Rinna

    Tanti auguri Checco!!!!

    20 dicembre 2010 alle 13:31

  2. Gianna

    Perdonami.
    Io non ti conosco, ma ti intuisco, ti percepisco, ti sento…
    mi sono innamorata di te, virtualmente, leggendoti tra le righe.
    Dove sei?
    Mi è sembrato di capire che in questi giorni è il tuo compleanno, auguri cinquantenne.

    21 dicembre 2010 alle 10:14

    • Addirittura? Anche io spesso mi innamoro perdutamente di qualcuna ma sono cotte che mi durano dalla mezz’ora ai tre giorni. Dev’essere per via di tutti i Dylan Dog che leggevo 🙂
      Grazie degli auguri, a presto!

      21 dicembre 2010 alle 19:45

  3. Ciao sopravvissuto.
    No, io non mi sono innamorata di te (gli incesti proprio non mi vanno giù!).
    Belli gli incontri inaspettati cosi come le serate (spesso quelle che partono con “no, a casa cosi no…ci vado, ci vado!”) forse non programmate.
    Chissà com’è proprio del tempo avete parlato! Metereologico, si intende! :-p
    Cmq ho scritto a Carta Gioviiini facendo appropriata richiesta di alzare la media di giiiovinezza ad almeno 32!!! :-p
    😀

    22 dicembre 2010 alle 13:51

  4. Spezzatino di sopravvissuto, se mai 😀
    E’ sempre il solito “sì” che parte con molta fatica e poi crea l’effetto valanga, e alla fine ne sei piacevolmente trascinato.
    Abbiamo parlato anche tanto del cibo, si sono esaltati quando ho parlato di zampone e di tortellini ma poi a cena hanno lasciato lì tutto: non reggono la cucina emiliana, troppo grassa…
    Faccio a meno della Carta Giovani, grazie. Sono gggiovane dentro, io (molto, molto in dentro…) 🙂

    22 dicembre 2010 alle 19:45

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...