"…è un modo di vivere." HCB

Seven

Questo 7 gennaio ha il sapore dell’attimo tra un’espirazione e un’inspirazione, retrogusto di torroncini e la bocca spaccata dalle bucce delle nocciole. Livello di colesterolo sotto la media, mezzo litro di sangue regalato all’Avis in cambio di un caffè e di una brioches portata da casa, le due Franche che mi accolgono e che fanno un gran casino contagioso, l’infermiera non appariscente di cui puntualmente mi innamoro perdutamente per la sola durata della trasfusione, pranzi in famiglia stancanti come matrimoni, minifuga in toscana dell’ultimo minuto, cura del sonno, tanto tempo passato in dolce far niente, ultimo dell’anno a letto all’una addormentato davanti ad un Fantozzi contro tutti, zero soldi in tasca ma aspetto la prima busta paga, shopping visivo che mi salva dalle code della gente che compra regali, un po’ di musica nuova scoperta su HeyFou.com, il bisogno di indie, il libro Paris di Doisneau, senso di vuoto allo stomaco che mi piace riempire a piccole dosi, tanto tempo passato per i cazzi miei, serate all’Emiro per il gusto di andare al cinema a prescindere dal film, il GiustoSpirito di Rubiera, la voglia di stare in giro proprio ora che mia sorella ha bucciato la macchina dei miei e la mia Focus serve a loro, discorsi sessuali che durano il tempo di una marzen da 0.5L, l’incazzatura davanti ad un “non mi costa niente farlo ma non lo faccio”, senso di paziente attesa davanti ad un inverno di cui mi sono stancato e siamo solo all’inizio.
Ecco, più o meno questo è quanto.
Probabilmente farò un giro in treno in Montagnola a Bologna per dare un senso a quest’ultimo giorno di ferie e per salutare le ultime lucine che, se fosse per me, starebbero su tutto l’anno. Vado a sbarbarmi 🙂

Annunci

3 Risposte

  1. 10 gennaio. fuori il sole, tu a lavoro io a studiare.
    se ti capita una trasferta da queste parti ho ancora una delle due bottiglie di Cavicchioli intatta.
    E lasciatela un pò di barbetta! 😉

    10 gennaio 2011 alle 12:09

    • 10 gennaio, nebbione, unica nota positiva è il segno “+” davanti ai 4°C, di solito è “-“. Negativo anche lui.
      Mmm, preferirei il vino dei colli, se dobbiamo andare fino ad Ariccia per procurarcene io non ho problemi 😉
      Per ora non ho trasferte in programma, nè per lavoro nè per piacere, non me la sento ancora di stare in giro… facciamo che ti riaggiorno via mail appena ho un attimo 🙂
      Un bacione, a presto!

      10 gennaio 2011 alle 12:28

  2. Tanto Ariccia mica scappa e poi cosi finalmente ti porto alla Selvotta, che è quella all’aperto. In primavera non hai scuse. :-p
    “dai cazzo!” [cit.]

    11 gennaio 2011 alle 01:53

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...