"…è un modo di vivere." HCB

La libertà di.

La cosa che mi manca di più è la libertà di tornare a casa la sera e poter decidere a che ora cenare, o non cenare, soprattutto la possibilità di passare mezz’ora o un’ora senza che nessuno mi chieda com’è andata. Senza qualcuno che mi telefoni per sapere se torno per cena anche se ho già detto che non torno per cena. La libertà di uscire a fare due passi invece che andare a letto senza dover rendere conto. La libertà di avere degli spazi e dei tempi miei, di poter prendere la bici e fare un giro dopo una giornata pesa al lavoro, senza che qualcuno mi tenga fino al tramonto a parlare dei lavori che ci sono da fare in casa. La libertà di uscire dall’ufficio alle sette di sera e pensare che la fatica è tutta alle spalle. La libertà di stare in silenzio quando ho bisogno di stare in silenzio. Di non dover ascoltare nessuno che mi racconta la sua giornata, che mi vomita addosso la sua giornata. La libertà di gestirmi sabati e domeniche senza fare i conti con i mille lavori che esistono solo in casa Boni e che mi assorbono fino alla fine del weekend. La libertà di non essere tirato in mezzo nei cazzi degli altri, la libertà di non dover sempre fare da paciere tra litiganti, di dare sempre il buon esempio. Soliti “privilegi” da figlio maggiore… La libertà di organizzare una serata film con i miei amici, di avere un posto dove invitarli, di avere un posto per me al di là dei quattro metri quadri di casino puro che è la mia camera. La libertà di scegliere come gestire il mio tempo libero. Anzi, di avere del tempo libero.

Se pensate di andare a vivere da soli pensateci bene, perchè se sarete costretti a tornare in casa con i genitori (e fratelli, e zie, e nonni) piuttosto vi appendereste per i maroni a un lampione.
Sono egoista, sono stronzo, sono irriconoscente. Lo so e ammetto le mie colpe.
Per ora mi devo accontentare di sparire mezza giornata alla settimana, quando riesco a svincolarmi dalle amorevoli attenzioni familiari.

AAA cercasi coinquilini per affittare un appartamento finchè non è pronta casa mia, poi la vendo o la affitto e parto senza destinazione.

“I want to live like common people,
I want to do whatever common people do,
I want to sleep with common people…”

Annunci

4 Risposte

  1. Non potevi essere più chiaro.
    La libertà non ha prezzo, ed è vero.
    Certe libertà poi, diventano davvero delle esigenze x ognuno di noi…

    Buonissimo aprile Checco 🙂 baci

    1 aprile 2011 alle 07:26

    • Grazie Angie, a volte mi manca proprio l’aria… fortuna che viene la primavera e si sta bene anche all’aperto, ma l’inverno l’ho patito davvero tanto. Buon aprile, buona primavera! 🙂

      1 aprile 2011 alle 22:13

  2. Posso capirti, ma solo a metà…ancora non sono andato via di casa e quindi la “pratica” del ritorno non l’ho vissuta…vè anche vero che a volte la vita casalinga diventa un po’ opprimente…te sarai anche il figlio maggiore…io sono l’UNICO!!! Che dannazione! 😉 Dai…forza e coraggio che il male è solo di passaggio (diceva l’intramontabile bardo!)

    4 aprile 2011 alle 19:21

    • A volte lo vorrei essere anche io un figlio unico, a volte invece sono contento così… non so cosa sia meglio, nè se c’è un “meglio”, è solo che 6 persone in 80 metri quadrati sono un po’ tantine 😉
      Forse è per questo che non sto mai in casa.

      7 aprile 2011 alle 18:51

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...