"…è un modo di vivere." HCB

Frederick

Come una canzone di Patti Smith, che ti coglie all’improvviso e non riesci a fermarla, e gira e gira nell’autoradio pensando a Fred che suona il clarinetto e adesso c’è suo figlio, probabilmente con lo stesso cuore, che suona la chitarra con mamma Patti sul palco. E pensi a quei tre minuti esatti, a cosa può esserci dentro a quelle persone, a quella voce di donna tremante che ha perso tanto ed è ancora lì davanti a tutto.
E poi segui qualche curva veloce dell’autostrada e ripensi a Santiago, che un anno fa esatto eri là e adesso stai tornando da dove scappavi, o venivi via per scelta ponderata, o non sai neanche più te che cosa, e quelle lacrime si trasformano in rabbia fonda come pozzi di notte per qualcosa di detto in un parcheggio alla luce di un lampione, che forse non meriti quelle parole dopotutto, e le solite cose che colpiscono laggiù in fondo dove le senti solo tu e allora vaffanculo, che tanto sarebbe fatica doppia, a starci male e a spiegare. E a starci male che tanto non serve spiegare ed è solo una cosa tua. Quindi tanto vale.
E un’altra volta quella canzone, e un’altra, fino a fare tre ore di macchina con quelle dieci strofe scolpite negli occhi che quasi la baceresti quella donna sul palco, se mai ti capitasse a tiro, che non c’è niente che valga la pelle d’oca per una cosa che non puoi spiegare, e ce l’hai appena sotto la superficie della pelle che ci puoi galleggiare e lo senti bene quel contatto che dura tre minuti esatti per poi ricominciare per quanto te ne serve.

Non ho pensieri coerenti in questo periodo, solo tentativi di lasciarmi andare che mi fanno scivolare sempre più verso l’interno, quindi forse è il caso di assecondare questo moto accelerato in assenza di attrito, che tanto più punto i piedi e più è peggio. Via, a uovo. Che non so sciare ma è lo stesso.

“as we journey from sun to sun
all the dreams I waited so long for
fly tonight. So long. So long.”

Annunci

2 Risposte

  1. …ed i pensieri “sconnessi”… ;p

    Se non ci sente prima: buonissimo ferragosto Checco! 🙂 baci

    12 agosto 2011 alle 10:36

  2. Pingback: Sette su sette. « Circle of ConFusion

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...