"…è un modo di vivere." HCB

L’estate finiva più ‘nature’ vent’anni fa o giù di lì

Uno settembre duemilaundici, data in cui non è più la natura ad annunciare l’arrivo dell’autunno ma… i social network?!
Su FB si leggono commenti apocalittici di chi non è ancora pronto ad un sì crudele distacco, le foto delle ferie si moltiplicano come a ricordarsi che c’è stato un tempo felice e che bisogna dire addio a qualcosa che non tornerà mai più. Dissolvenza. Sigla finale.
Io sinceramente questo dramma non lo sento proprio, anzi, settembre mi mette una sana carica in corpo. L’estate è la stagione del distacco, tutti sono via, c’è un caldo tale che si sta bene solo il paio di settimane che si è in ferie e di sera si boccheggia in qualche locale all’aperto aspettando la brezza delle due per andare a dormire. Quest’anno non ho fatto manco un giorno di ferie, neanche un bagno in mare e un po’ mi brucia, però per un anno ci può stare, e poi non è stata una brutta estate tra sagre, superspritz bar, uscite fotografiche e nuove amicizie. Anche per quest’anno l’abbiamo sfangata grazie alle piccole cose 🙂
L’autunno invece è il mese dei cambiamenti, l’aria si rinfresca e sembra più facile tutto, anche respirare, la luce diventa un po’ più azzurrina, crescono i colori sugli alberi e non c’è tutta quella fretta di divertirsi e spaccarsi che c’è in estate. Anche il tempo sembra scorrere ad una velocità che lo si può afferrare. Difatti, visto che ho trentunanni e che so tenermi dietro, passerò allo step successivo visto che ci sono delle cose che un uomo DEVE saper fare:
– sabato verrò iniziato ai segreti della birrificazione fai da te. Ho sparso un po’ la voce e ho scoperto che il mago produce già da tempo un’ottima birra casalinga, così oltre a farmi invitare per un assaggio scoprirò tutti i gesti e i metodi per portare avanti questo vizio che (purtroppo 😉 ) rimane l’unico che ho, e che quindi devo portare avanti meglio che posso. Mi intriga perchè amo alla follia le birre ambrate e le weiss, il poterle produrre in casa a trenta litri alla volta con la possibilità di personalizzarle è un sogno più che una buona idea =)
– in ottobre frequenterò anche un corso di panificazione con il lievito madre, mi sento molto bucolico quando ci penso e non mi ci vedo proprio, però il pane è l’alimento base e a livello simbolico mi attrae molto l’idea di riappropriarmi di qualcosa che si sta perdendo.
– in più sto anche progredendo con l’ukulele. Cioè, diciamo che mi applico una mezz’ora per poi partire per la tangente con bicordi e tricordi che non so assolutamente che note siano, però trovo che abbiano un non so che e intanto registro i vari pezzi per poi usarli come sottofondo in eventuali video.
Questo è quanto, poi questo weekend ci sarà la prima edizione dei Buskers a Modena e sarò il fotografo pseudo-ufficiale delle Somantica Project, ovviamente niente soldi ma tanta gloria per tutti noi. Mi immagino il parco Amendola come una Woodstock degli anni ’60… se non fossi in mutua con febbrone e virus vari ci farei un pensiero a passarci la notte in sacco a pelo 🙂

Annunci

16 Risposte

  1. Ho già detto che non vedo l’ora che arrivi ottobre? ahahahah 😛
    Mabbbravoooo!!! 😀 Finalmente farai la birra da te! Beh, si sà: chi fa da sè… beve di più! ahahahah (scusa, è il caldo)
    X il pane… anche mia madre fino a qualche anno fa lo faceva in casa, poi da quando si è operata, e adesso che praticamente si muove a fatica, ha smesso. Anche fare il pane era una bella fatichetta… come del resto tutto ciò che uno vuol fare da se, lo deve un pò sudare no? Anche se poi son soddisfazioni 🙂
    ah, buon Buskers 😉

    1 settembre 2011 alle 19:35

    • …si beve di più e meglio (forse).
      Con il pane avevo già provato ma veniva troppo compatto, pesava un etto per fetta.
      Invece con il lievito madre è sicuramente più naturale e poi gli dà un gusto acidulo che a me piace molto. Vedremo cosa succederà 🙂
      Grazie, spero di andarci visto che oggi è l’ultimo giorno di mutua ma mi hanno già chiesto se sono disponibile a lavorare nel weekend… :(((

      2 settembre 2011 alle 11:10

      • Ma ovvio! Lievito madre e forno a legna, senò che pane in casa è? 😉
        x questo ti dicevo che era una bella fatica. Mia madre ne faceva un bel po’, x alcuni giorni. Ricordo tutto ‘sto pane sul tavolo “messo a letto”, lavorava un’intera mattinata… Ed il lievito madre? va custodito come un bambino, se ne deve aver cura. Da una volta all’altra teneva un pezzettino di pane impastato, lo metteva in un piccolo recipiente con dell’olio e lo conservava nel frigo. La sera prima, impastava un po’ di farina e acqua con quello ed otteneva “lu criscenti”, che andava fatto lievitare x tutta la notte al caldo sotto delle coperte. Con quello l’indomani faceva il pane.
        A me e mio fratello ci piaceva il pane appena appena infornato 🙂 ci faceva dei panini piccoli, appena facevano a malapena la crosticina li tirava fuori dal forno, praticamente erano quasi crudi, ma buonissimi 🙂 come scottavano! E noi, felici x quella delizia che solo mamma poteva farci…
        Oddio, Checco… scusami se ti ho annoiato con questo amarcord della mia infanzia 🙂

        2 settembre 2011 alle 14:43

  2. Io non ho una stagione preferita, diciamo che ho sempre dei buoni motivi per non vedere l’ora che arrivi l’inverno quando siamo in estate e viceversa 😉
    Da qualche anno sto apprezzando l’autunno….e senz’altro ODIO la primavera!! Altro che vita che rinasce…in primavera ho i riflessi di un bradipo!!
    Per quanto riguarda l’estate, in realtà la cosa che non sopporto l’hai accennata pure tu: sembra che ci si debba divertire per forza con seratoni indimenticabili…quando a me spesso va bene pure starmene per i fatti miei sui gradini di casa mia (rigorosamente al buio) a sorseggiare una bevanda che tra un po’ produrrai con le tue stesse mani 😉
    Certo che però…..non essersi fatto nemmeno un bagno in tutta la stagione……..aiuto, non lo sopporterei!! Quando l’anno scorso ero a Roma, non vedevo l’ora di farmi due settimane qui in Sardegna… L’anno scorso in effetti il mare mi è mancato troppo!!!

    2 settembre 2011 alle 10:38

    • A dire la verità anche io non sto mai bene nella stagione in cui sono, ma l’estate mi sembra troppo sopravvalutata. O vorse ho un po’ di amaro in bocca perchè mi sono perso tutte le cose belle che si potevano fare, tipo giri in bici, giornate sulla sabbia in nullafacenza, weekend in giro ecc ecc. Ho lavorato e basta, e sarà così fino a febbraio, quando mi scadrà il contratto e deciderò cosa fare. Quindi in un certo senso aspetto con ansia la primavera, però prima devo “seminare bene” sia in autunno che in inverno. Ma non anticipo nient’altro 😉
      Io non ho gradini perchè sto al piano terra ma davanti alla finestra ho un campo e qualche sera ho fatto tardi davanti al canto dei grilli con birra ghiacciata mentre penso ai fatti miei. Magico 🙂
      Eh sì, a volte i momenti passati da soli sono preziosi.

      2 settembre 2011 alle 11:16

  3. Buon Salve! Rieccomi!!! Era tanto che non passavo da ‘ste parti! Ma che bravo…non ti piace proprio annoiarti eh?!? Ti vorrei troppo vedere alle prese con l’ukulele! Ti prego…fai un video!!! 😀
    A me Settembre non fa impazzire…soffro un po’ il distacco fra il fancazzismo e la ripresa della vita quotidiana anche perchè a Roma pure se non c’hai fretta puoi metterci la mano sul fuoco che ci sarà sempre qualcuno che te la metterà…fosse solo per comprare il latte!!! Stress! Ne riparlaimo ad Ottobre! 😉

    3 settembre 2011 alle 14:57

    • Io ho il problema contrario, se ho mezz’ora DEVO impiegarla in qualche modo, infatti avrei proprio bisogno di una settimanina di ferie per staccare e non fare assolutamente nulla. Forse andrò a raccogliere le olive, vedremo ;p
      Sull’ukulele ci sto lavorando, a breve uscirà il mio primo singolo ma sono un perfezionista e vorrei curare tutto nei minimi dettagli 😀

      5 settembre 2011 alle 10:04

      • Perfetto! Sarò il tuo primissimo fan e entrerò urlando da Feltrinelli o Ricordi o Star Music cercando il tuo singolo e dopo averlo trovato mi getterò a terra strappandomi i capelli! Va bene o è un po’ troppo? 😉
        Ps: a me le oive piacciono denocciolate! Un presente sarebbe gradito! 😉

        5 settembre 2011 alle 19:04

  4. Wowow! Il pane !!!! Anch’io anch’io!!! 🙂
    Io non vedo l’ora che arrivi l’autunno intenso, altro che estate! L’unica cosa che mi mancherà di questa estate sarà la sensazione di relax che m’ha fatto perfino dimagrire (a me, capisci??!!) 😀 Stamattina ho finito di svuotare con i miei il piano di sopra. Ora ho una specie di camera provvisoria (letto , lume e comodino) per me più che sufficiente. E vedere quei spazi vuoti tutti da riempire mi mette una pace dentro e una voglia di fare! 🙂 Buon autunno fratè! Ovviamente impara bene birra e pane, che poi che altro c’è da cibarsi, no? :-))

    4 settembre 2011 alle 11:11

    • Sorella, “dimagrire”?! Quale entità si è impossessata di te? 😀 Comunque lasciatelo dire, non sei mai stata grassa…
      Hai già traslocato di sopra? E’ bella la sensazione di avere un nido tutto da progettare, si può aggiungere qualcosa poco per volta in base a quello che serve davvero. Tipo fornelletto per tè serali, minidispensa per i biscotti, ecc ecc 😉
      Mi manca saper fare la porchetta, poi avrò raggiunto il nirvana (e la forma fisica del buddha) 😀

      5 settembre 2011 alle 10:08

  5. Angela, ma scherzi?! Mi piacciono un sacco queste storie di vita vissuta, certi ricordi sono il sale del presente, ti ringrazio di avermi fatto sentire il profumo di quel pane appena sfornato 🙂

    5 settembre 2011 alle 09:59

  6. Eh no, non puoi imparare a fare la porchetta! Se no poi non vieni più dalle mie parti! Beh, resta sempre il vinello….però pure voi lo fate buono…mm….
    :-p No, non ho ancora traslocato, prima mi si deve infiammare per bene il nervo sciatico dovuto al fatto che da mesi dormo su un divano letto che a prima vista ti fa esclamare “wow, la mia prima piazza e mezzo!” e poi quando ci stai sopra e senti la “spina dorsale del letto” scontrarsi con la tua pensi “non era vero…anzi, s’è dimezzato ancor di più”… In realtà la stanza provvisioria c’è, ma mentre mio padre scartavetra e ripittura la mia vecchia stanza si fa un sacco di polvere, per cui ho aspettato finora, aspetterò un altro pò 🙂 E’ arrivato il nuovo catalogo di Ikea….ehhhh….sognare (a tasche vuote) non costa nulla no?? 🙂 Un abbraccio!
    ps.: si è impossessata di me un’entità che si chiama “sale marino e bicicletta”, ora sostituita di nuovo con “sale da cucina e sedia da studio” :-p

    6 settembre 2011 alle 08:13

    • Beh, una volta ogni tanto dovrò pur venire in pellegrinaggio alla sacra fonte porchettifera… :p
      No che non costa nulla, e ti capisco anche quando parli di nervo sciatico: a forza di camminare a piedi nudi mi è venuta una specie di reumatismo e sono due notti che non dormo dal male alle gambe. Sai, a diventare vecchi… Dal prossimo anno se tutto va bene anche io inizierò a sognare più concretamente sul catalogo Ikea, intanto spero di riuscire a mettere una stufina a legna e ad allacciare la fogna, poi anch’io avrò il mio freddo nido per l’inverno! 😀
      PS e sale in zucca? se ne hai un po’ da prestarmene… 😉
      Un abbraccio

      6 settembre 2011 alle 10:29

  7. Stepho, raccoglierò le olive a scopo olio, anche se l’anno scorso le ho saltate fresche in padella insieme alla salsiccia e ti dirò: se ti piacciono i sapori forti (e a me piacciono) non sono per niente male. Amarissime e buonissime.
    PS basta che non mi tiri le mutande puoi fare tutto quello che vuoi 😀

    6 settembre 2011 alle 10:22

    • Va bene..terrò strette le mutande! 😉 Buone le olive con la ciccia! Approvo! Promosso con 10 e lode! Buon appetito!

      6 settembre 2011 alle 19:26

  8. Sale in zucca? Naaaaaa, testardo come sei. :-p

    7 settembre 2011 alle 17:06

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...