"…è un modo di vivere." HCB

C.C:

Il giorno di Pasqua, tra un pranzo e una cena, sono andato a fare due foto in una ex-ceramica di Sassuolo.
Rumore della pioggia a scrosci sull’ondulato in lana di vetro, passi, cose dette sottovoce, vento, finestre sbattute, momenti di caga per delle voci all’improvviso, materassi bruciati e nomi di persone che conosco sulle porte degli uffici.
Risultato, questo:

…e delle scarpe bianche di barbottina, cinque perle da mulino e due timbri.
Music by Einstürzende Neubauten.

Annunci

8 Risposte

  1. Mi piace molto questo video.E credo anche che non potevi scegliere colonna sonora più appropriata,i Neubauten apprezzerebbero molto l’uso che ne hai fatto…mi piace!!

    10 aprile 2012 alle 13:38

    • Non mi ricordavo il nome del gruppo, l’ho cercato su Google e mi sono fatto una discreta cultura musicale su di loro 🙂
      Purtroppo la crisi ha creato molti posti del genere nella nostra zona. Mi piace fotografarli perchè questo verrà raso al suolo e sorgerà l’ennesimo supermercato, rischio la denuncia ma non mi va che un posto del genere venga dimenticato.

      10 aprile 2012 alle 16:17

  2. Che foto stupende O.O

    10 aprile 2012 alle 15:37

    • Grazie ^^
      Mi ero dato la regola di usare solo un obbiettivo fisso, ho sgarrato solo per un cinque-sei scatti. E’ un’ottima scuola, ci si concentra molto di più sulla foto mentre con i megazoom è tutto più comodo ma anche molto più dispersivo.

      10 aprile 2012 alle 16:17

  3. Stupendo tutto il video e bellissimo come l’hai concluso 😉
    Ti immagino a Cagliari, sul lungomare della spiaggia del Poetto, dentro e fuori il vecchio Ospedale Marino (che sarebbe questo: http://andreascano.blog.tiscali.it/files/2011/12/Osped-Marino-2-E-Pascalis.jpg); secondo me faresti un reportage come nessuno l’ha mai fatto.

    13 aprile 2012 alle 12:11

  4. Mi sono dimenticato: ma Cisa Cerdisa in passato che era?

    13 aprile 2012 alle 12:13

    • Cavoli, mi viene un fatto prurito alle mani… 🙂
      Su FlickR sto seguendo due ragazzi sardi che vanno in giro a cercare luoghi abbandonati e ne trovano un sacco, alimentando la mia smania.
      http://www.flickr.com/photos/danielagiacalone/
      http://www.flickr.com/photos/antonioruzzoli/
      Qui invece “grazie” alla crisi ci sono un sacco di ceramiche abbandonate, la Cisa Cerdisa è una di quelle.

      13 aprile 2012 alle 14:05

      • I luoghi abbandonati hanno contemporaneamente fascino e tensione… O almeno questo è l’effetto che fanno a me. Se ti dovessi accompagnare in scorribande del genere non mi sentirei per niente tranquillo. Vivrei col terrore che prima o poi ti trasformeresti in qualche essere da film horror 😀

        13 aprile 2012 alle 19:30

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...