"…è un modo di vivere." HCB

Mo – l’è ora d’zeina

Una canzone che mi gira in testa a 33 giri al minuto e una Regina, Modena.
Una città femmina come Bologna, ma più modesta, “piccola città, bastardo posto” che ti compresi a trent’anni suonati. Spazi vuoti all’ora di cena in cui manca l’uomo o c’è a piccole dosi, una coabitazione tra muri e persone che si completano a vicenda e si ritrovano a orari prestabiliti come un’immensa famiglia che sa le consuetudini di casa propria.
Incontro di uomini ma anche periferia delle tradizioni, una mano al bicchiere e una alle cose care.
“Perchè Modena è violenta e la polizia spara in aria, se vuoi trovar riparo allora vieni qui. Vai verso la Rotonda, poi svolta alla tua destra, saluta mia madre alla finestra”. – Lomas

“Empty spaces – what are we living for?
Abandoned places – I guess we know the score
On and on, does anybody know what we are looking for…?” – The Queen

Due passi, un paio di occhi: le cose importanti vanno a due a due. Modena e i Modenesi, anche dell’ultima ora.

Note: ho usato una 5D2 e il Canon EFs 10-22 opportunamente adattato con un abile stratagemma.
Non sempre le accoppiate impossibili sono realmente impossibili.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

2 Risposte

  1. Il piccione che sfida la piazza e il “tutto chiavi” sono spettacolari.

    30 luglio 2012 alle 00:04

    • Quando ho visto “tutto chiavi” ho riso tra me e me come un deficiente. Geniale 😀

      30 luglio 2012 alle 00:21

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...