"…è un modo di vivere." HCB

Less is more

Togli i calcetti. Togli lo shopping. Togli le due o tre birre con gli amici e scegli la coca in lattina a un euro. Toglie le vacanze, i giri in macchina, le cene. Togli i soldi che in genere si spendono in cazzate, sigarette, aperitivi e comincia a comprare bottiglie di vino a chilometri zero. Togli gli hotel e i letti comodi e scegli il baule della macchina. Preferiscilo come sedile da cui guardare il tramonto al posto dello sgabello del bar da cui guardi il buffet. E il buffet compralo al Conad. Togli gli sfizi e impara a gestirti, compra solo ciò che è necessario e magari spendi tutto quello che hai risparmiato per qualcosa che vale. Che ti serve davvero. Discerni, usa la bici o i piedi quando puoi e tieni la macchina fin quando non ne può più. Aggiusta l’alzacristalli elettrico con un paio di fascette anzichè andare dal carrozzaio.

Che vita è?
E’ la vita di chi sa a cosa può aspirare e non pretende di avere un Ferrari in garage, è la vita di chi ha quel tanto che gli basta per essere felice. O è felice per quel poco che ha..
E’ una vita di pazienza e di piccole cose, ma importanti.

Non mi piace quando mi fanno i conti in tasca.
Non cago i soldi, a questo mondo la ricchezza sta nel bilancio tra ricavi e spese, e se il ricavo è poco devi imparare a non spendere .
Sono ricco perchè la mia ricchezza non si misura in zeri come sul conto corrente. Per fortuna, se no guardando il mio cc ci sarebbe da piangere. O da ridere. Sì, meglio riderci su và là.. 🙂

Annunci

10 Risposte

  1. Don(n)a

    Tieni raggione!

    19 settembre 2012 alle 10:48

    • Ognuno ha le sue di ragioni, ma è facile guardare gli altri e pensare che stiano meglio solo perchè non si fanno mai vedere preoccupati, o tristi.

      19 settembre 2012 alle 12:56

  2. mbj

    La felicità non sta in ciò che possiedi fuori ma in quello che possiedi dentro. Il resto sono suppellettili 😉

    19 settembre 2012 alle 18:56

    • C’è bisogno anche delle supellettili, però è un ottimo esercizio di fantasia: la macchina diventa un camper, un prato con i balloni di fieno un locale.. 😉

      20 settembre 2012 alle 08:13

  3. luceinombra

    🙂 mi piace quel che hai scritto… e come lo hai scritto.

    19 settembre 2012 alle 19:08

    • Grazie! Come le so raccontare io… ;D

      20 settembre 2012 alle 08:13

  4. frate81

    Bellissimo articolo. Quella che hai descritto da fuori può sembrare una vita fatta di sacrifici,in realtà può essere soddisfatto di sé stesso chi sa condurre una vita fatta così.

    20 settembre 2012 alle 00:40

    • Quando mancano i cavalli si corre anche con gli asini, come direbbe mia nonna 🙂

      20 settembre 2012 alle 08:15

  5. Rocco R.

    Standoci attenti si può davvero riuscire a spendere i soldi per ciò a cui non si può rinunciare. Sempre se un po’ di soldi ci sono…. 🙂

    21 settembre 2012 alle 18:06

    • Citando uno dei miei cartoon Disney preferiti (le Follie dell’imperatore)
      “Insomma, che cos’è che la tua famiglia non ha?!”
      “Ehm, da mangiare..”
      “Ha! Dovevi rifletterci prima di diventare un pezzente!” ;p

      22 settembre 2012 alle 21:06

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...